Sociale - CRI NAPOLI

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:


SOCIALE
Il Comitato di Napoli ha attivato lo “Sportello Sociale” come da linee guida nazionali. Si propone di promuovere azioni che garantiscano miglioramento della qualità della vita, pari opportunità, non discriminazione.Lo scopo è quello di tutelare la dignità della persona in ogni situazione di disagio incentivando progetti di intervento individuale.
 
 
Il Comitato di Napoli è in contatto diretto con il territorio in uno scambio continuo di informazioni ed interventi utili a rafforzare autonomia, integrazione, inclusione sociale di individui momentaneamente in uno stato di disagio.
Il comitato di Napoli offre servizi alla persona in un‘ottica di supporto alla vulnerabilità
 
 




CARATTERISTICHE SPORTELLO SOCIALE
 
Info Point: indirizza le persone sui servizi attivi  5/7 gg.  a settimana.
 
INFO-POINT
 
  • Fornisce ascolto e fa emergere il bisogno della persona;
  • Da informazioni ed orientamento alla persona in base a necessità/bisogni espressi;
  • Attiva équipe multi-professionali (CRI e/o rete);
  • Accompagna la persona fornendo assistenza e supporto attraverso I’erogazione diretta di prestazioni
  • Individua specifiche professionalità (es.:sociologo,psicologo,mediatoreculturale,operatore di strada, esperto giuridico, etc.) a supporto deII’intervento.                                                                                                           
 
ATTIVITA’ DI SVILUPPO
 
Le Attività di sviluppo si svolgeranno nella sede di San Giovanni a Teduccio e in vari punti della città metropolitana.
 
Propongono percorsi di crescita e di miglioramento individuale e di gruppo. Sono rivolte             a persone vulnerabili e a gruppi sociali emarginati e stigmatizzati nonché a categorie sociali protette. Si dirige inoltre verso gruppi sociali diversamente abili e adonne vittime di violenza psicologica, domestica e sessuale. Molte attività riguardano la dispersione scolastica e la formazione individuale volta all’inclusione lavorativa. Tali attività, monitorano e verificano le condizioni e lo sviluppo della persona accompagnandola e tutelandola, rimanendo punto di riferimento per un tempo prefissato. Attraverso tali attività, si promuovono e sostengono iniziative e progetti rivolti alla persona finalizzati a prevenire situazioni di disagio ed emarginazione.
 
Le attività che vengono proposte sono:
 
  • Attività sul territorio (laboratori di quartiere, consultori popolari)
  • Cri per le Persone e Cri per Te
  • Distribuzione Viveri AGEA come strumento di aggancio e presa in carico
  • Servizio Accompagnamento Sociale
  • Centro Consulenze Specialistiche
  • Attività interne come Ascolto migranti e RFL
  • “La Stanza Rosa, accoglienza e prevenzione della violenza psicologica e di genere”
  • Progetto “Pronto papà”

Il Servizio Psicosociale è  parte interante dello sportello sociale e dispone di psicologi, tecnici e Operatori psicosociali che garantiscono il monitoraggio dell’emergenza  psicosocialee il Pronto Soccorso Psicologico.
 
1° Punto: distribuzione viveri AGEA  supporto ai bisogni primari Delle fasce più deboli distribuendo beni di prima necessità viveri vestiario medicinale grazie alla distribuzione AGEA mensilmente con presa visione di modello ISEE.
 
2° Punto: Centrale Operativa Sociale  si occupa del servizio accompagnamento sociale come risposta a tutti coloro che hanno necessità di essere accompagnati con il sostegno dei volontari cri, si rivolge a chiunque sia impossibilitato a spostarsi autonomamente
 
3° Punto: Centro consulenza specialistica vede la presenza di specialisti in grado di offrire una risposta specifica e immediata ai bisogni delle persone che si trovano in situazioni di vulnerabilità, ad esempio assistenti sociali avvocati ostetriche ginecologi educatori .
 
4°Punto: migranti rifugiati:oltre all’accoglienza ed all’ascolto di primo livello garantiscono l'attività del RFL grazie alla quale le persone possono ripristinare i contatti con la propria famiglia persi a causa di emigrazione di massa.
 
5° Punto: il comitato di Napoli si avvale di un ambulatorio sociale che offre i propri serviziAi senza dimora migranti e persone che vivono in estrema povertà.
 
6° Punto cri per le persone cri per te

 
Il comitato di Napoli sostiene e conferma la propria presenza nel Progetto Nazionale  CRI per le persone e offre risposte attraverso il Numero Verde Nazionale 800 06510 e attraverso il numero 081 228 68 00.
 
 
-SE.P= Supporto psicologico pronto soccorso psicologico è offerto da psicologi tecnici operatori psico sociali formati dal Servizio Psico Sociale Nazionale Cri
-HELP LINE : N. 370 31 60 222 pronto soccorso psicologico per operatori e volontari
Stanza Rosa il comitato di Napoli in attuazione dei 7 principi sostiene il rispetto della dignità umana e delle diversità attraverso la nascita della Stanza Rosa per l'accoglienza di coloro che subiscono violenza psicologica domestica e di genere.
Ascolta Papà è helpline dedicata esclusivamente ai papà che vivono aperta conflittualità genitoriale e povertà post separazione.


Contatti:
sociale@crinapoli.it
Info Point: tel. 081 228 68 00
SAS Servizio Accompagnamento Sociale: 081 228 68 70

Delegata: Pina  Savorra
 
Delegato: Raffaele Polese
 
S.lla:        Mara Principato
 

 
1. Cosa è lo Sportello Sociale del Comitato di Napoli

Così come da Linee Guida nazionali, lo Sportello Sociale, è il “Punto Unico di Accesso” ai servizi sociali e socio-sanitari forniti dall’Associazione di Croce Rossa Italiana.
Lo Sportello Sociale del Comitato di Napoli, si propone di essere punto di riferimentoin grado di  promuovere azioni che garantiscano qualità della vita, pari opportunità, non discriminazione.
Lo scopo principale di tale sportello è quello di tutelare la dignità della persona in ogni situazione di disagio incentivando, in un’ottica multidisciplinare, progetti d’intervento sempre più individualizzati in grado di superare vecchie logiche assistenzialistiche e spersonalizzanti.

 
1.1 Contesto economico/sociale

Lo stato di bisogno delle persone è cambiato rapidamente a seconda della situazione economica nella quale si è trovato a vivere.
La povertà nel nostro paese ha le sue radici in cause di varia natura:
 
  • Stato di malattia
  • Insorgenza di disabilità
  • Infortuni da lavoro
  • Invecchiamento
  • Vedovanza
  • Lutti
  • Maternità
  • Separazione/Divorzio
  • Carichi familiari
  • Disoccupazione/difficoltà di ricollocazione
  • Abitazione/precarietà abitativa
  • Povertà educativa
  • Percorso migratorio
 
Attraverso le attività dello Sportello Sociale, il Comitato di Napoli resta  in contatto diretto con il territorio in uno scambio continuo di informazioni e di interventi utili a rafforzare l’autonomia, l’integrazione e l’inclusione sociale di individui momentaneamente in stato di bisogno.
 
In un’ottica di collaborazione e partecipazione con la rete territoriale, il Comitato di Napoli, offre “Servizi alla Persona” capaci di potenziare le possibilità di tutte le persone grazie a risorse interne ed esterne al Comitato di Napoli stesso.
Tutto è svolto per garantire l’autonomia, l’integrazione e l’inclusione sociale di ogni individuo.
In un’ottica di supporto alla vulnerabilità, lo Sportello Sociale, è rivolto alle singole persone e/o nuclei familiari che si trovino in stato di bisogno economico, sociale, psicologico, culturale, educativo, sanitario.

Lo Sportello Sociale del Comitato di Napoli ha quindi lo scopo di:
 
  • Informare
  • Orientare
  • Accompagnare
  • Potenziare
 
Lo Sportello Sociale rappresenta il “Focal Point” che interloquisce con il territorio, le persone ed i servizi, analizzando i bisogni ed intervenendo su di essi. Censimento e monitoraggio continuo permettono di conoscere l’andamento del bisogno del territorio.
 
 
2. Caratteristiche dello Sportello Sociale
 
Lo Sportello Sociale del Comitato di Napoli opera su due livelli, uno di accoglienza ed ascolto, l’altro di orientamento, facilitazione e potenziamento delle risorse personali.
 
Questi due livelli si sviluppano grazie ad un Info-point che indirizza le persone ai servizi attivo cinque giorni a settimana e ad una serie di Attività di Sviluppo che si svolgono in sede centrale del Comitato e in  vari punti della città metropolitana che hanno differenti caratteristiche. Di fondamentale importanza è la presenza del Servizio Psicosociale che garantisce non solo il monitoraggio delle emergenze psicosociali ed il Pronto Soccorso Psicologico, ma offre differenti interventi in progettualità tematiche, quali “La stanza Rosa, accoglienza e prevenzione della violenza psicologica e di genere” e “Pronto Papà”.
 
 
2.1. INFO-POINT
 
  • Fornisce ascolto e fa emergere il bisogno della persona;
  • Da informazionied orientamento alla persona in base a necessità/bisogni espressi;
  • Attiva équipe multi-professionali (CRI e/o rete);
  • Accompagna la persona fornendo assistenza e supporto attraverso I’erogazione diretta di prestazioni
  • Individua specifich eprofessionalità (es.:sociologo,psicologo,mediatoreculturale,operatore di strada, esperto giuridico,etc.) a supporto deII’intervento.
 
 
2.2. ATTIVITA’ DI SVILUPPO
 
Le Attività di sviluppo propongono percorsi di crescita e di miglioramento individuale e di gruppo. Sono rivolti a persone vulnerabili e a gruppi sociali emarginati e stigmatizzati nonché a categorie sociali protette. Si dirige inoltre verso gruppi sociali diversamente abili e  donne vittime di violenza psicologica, domestica e sessuale. Molte attività riguardano la dispersione scolastica e la formazione individuale volte all’inclusione lavorativa. Tali attività, monitorano e verificano le condizioni e lo sviluppo della persona accompagnandola e tutelandola, rimanendo punto di riferimento per un tempo prefissato. Attraverso tali attività, si promuovono e sostengono iniziative e progetti rivolti alla persona finalizzati a Prevenire situazioni di disagio ed emerginazione.
Le attività che vengono proposte sono:

  • Attività sul territorio (laboratori di quartiere, consultori popolari)
  • Cri x le Persone e Cri per Te
  • Distribuzione Viveri AGEA come strumento di aggancio e presa in carico
  • Servizio Accompagnamento Sociale
  • Centro Consulenze Specialistiche
  • Attività interne come Ascolto migranti e RFL
  • “La Stanza Rosa accoglienza e prevenzione della violenza psicologica e di genere”
  • “Pronto papà”
 
 
2.3. ORNANIZZAZIONE
 
Lo Sportello Sociale del Comitato di Napoli,  si struttura utilizzando spazi esistenti all’interno del Comitato stesso e che sono di facile accesso e di immediata individuazione. La presenza di volontari formati e qualificati (Operatori di Sportello Sociale, Operatori Psicosociali, Operatori Sociali Generici) garantisce il buon andamento dello sportello.
 
 
3. FIGURE DI RIFERIMENTO
 
La figura di riferimento dello sportello sociale è il Responsabile dello Sportello Sociale che coordina, orienta, monitora e supporta l’intero andamento dello sportello.
 
Si avvale di un’equipe di Referenti responsabili dei progetti e referenti  responsabili delle differenti attività, e di Operatori di Sportello Sociale ed Operatori Sociali Generici.
Inoltre sono presenti per supportare e tutorare le differenti attività Psicologi iscritti al Se.P. ed in regola con gli aggiornamenti.
 
All’interno dello sportello sociale si privilegia l’intervento ed il lavoro d’equipe per garantire un’azione multifattoriale tesa al miglioramento della qualità della vita.
 
 
4. VISIBILITA’ E COMUNICAZIONE ESTERNA
 
Il Comitato di Napoli promuove e diffonde la conoscenza delle attività dello Sportello Sociale attraverso l’utilizzo di ogni tipo di materiale di comunicazione per informare, organizzare e diffondere le prestazioni erogate. Dispone di una linea fissa telefonica dedicata e di un numero cellulare per il Supporto Psicologico Telefonico.
 
Inoltre è raggiungibile con  una email sociale@crinapoli.it

L’Attività dello Sportello Sociale è soggetta alla normativa sulla privacy.
 
 
5.  EQUIPE DI STUDIO E LAVORO
 
Delegata Pina Savorra
 
Delegato Raffaele Polese
 
S.lla Mara Principato

 
Torna ai contenuti | Torna al menu